Triangolo delle Bermude il triangolo maledetto

Dogon il misterioso popolo figlio di Sirio
Dogon il misterioso popolo figlio di Sirio
24/10/2015
Inquisizione nel nome di cristo la crudeltà dell'uomo
Inquisizione nel nome di cristo la crudeltà dell’uomo
28/10/2015
Triangolo delle Bermude il triangolo maledetto

Triangolo delle Bermude è una zona dell’oceano Atlantico settentrionale nel quale a partire dal 1800 ad oggi sono scomparsi misteriosamente almeno un centinaio di navi ed aerei.

Triangolo delle Bermude

Il triangolo delle Bermude è una zona dell’oceano Atlantico settentrionale che ha la forma di un triangolo, i cui vertici sono:

  • vertice Nord – il punto più meridionale della costa dell’arcipelago delle Bermude;
  • vertice Sud – il punto più occidentale dell’isola di Porto Rico;
  • vertice Ovest – il punto più a Sud della penisola della Florida.

Triangolo delle Bermude il triangolo maledetto – In relazione a questa vasta zona di mare, di circa 1 100 000 km²,a partire dagli anni cinquanta la cultura di massa ha fatto sì che nascesse la convinzione che si fossero verificati dal 1800 in poi numerosi episodi di sparizioni di navi e aeromobili, motivo per cui alcuni autori hanno soprannominato la zona “Triangolo maledetto” o “Triangolo del diavolo”.
Il triangolo ha vissuto particolare popolarità nei media soprattutto a partire dal libro best seller Bermuda, il triangolo maledetto (The Bermuda Triangle) del 1974 di Charles Berlitz, secondo il quale nella zona avverrebbero misteriosi fenomeni che sono stati accostati al paranormale e agli UFO.

Nonostante la reputazione “maledetta”, derivante soprattutto da opere di divulgazione misteriologica come quelle di Berlitz, il numero di incidenti nel Triangolo non è affatto superiore a quello di una qualsiasi altra regione ad alta densità di traffico aeronavale: come confermato dalla Guardia costiera degli Stati Uniti, l’incidentalità è nella norma per la quantità di traffico e molti degli incidenti avvenuti sono derivati da normali cause fisiche e meccaniche.

Le prime notizie di sparizioni inusuali nel triangolo delle Bermuda risalgono al 1950 ad opera di Edward Van Winkle Jones in un articolo del 30 settembre per Associated Press. Due anni dopo il magazine Fate pubblicò “Sea Mystery At Our Back Door”, breve articolo di George X. Sand che riportava la presunta sparizione di molti aerei e navi inclusa la sparizione del Volo 19 e di un gruppo di cinque navi della United States Navy. Questo articolo segna l’inizio del mito del triangolo delle Bermuda per come è conosciuto oggi. Tale articolo inoltre fu il primo a formulare una ipotesi soprannaturale per le presunte sparizioni. Un ulteriore articolo fu pubblicato nel 1964 da Vincent Gaddis che l’anno seguente pubblicò anche un libro intitolato Invisible Horizons dove approfondiva i temi trattati nell’articolo.

Negli anni seguenti furono pubblicate altre opere sul presunto mistero: John Wallace Spencer (Limbo of the Lost, 1969, rist. 1973); Charles Berlitz (Bermuda, il Triangolo maledetto, 1974); Richard Winer (The Devil’s Triangle, 1974), e molte altre, tutte per lo più facenti leva su presunti fenomeni soprannaturali. Il libro rimasto più famoso è quello di Berlitz.

Fonte: wikipedia.org
Fonte IGM: volvooceanrace-img.s3.amazonaws.com