Quantum spin liquid un nuovo stato della materia

Schneider testimone battaglia umani Vs alieni
Schneider testimone battaglia umani Vs alieni
06/04/2016
Mutilazioni sul bestiame per mano aliena
Mutilazioni sul bestiame per mano aliena
08/04/2016
quantum spin liquid

quantum spin liquid

Quantum spin liquid un nuovo stato della materia – Un esperimento internazionale ha osservato per la prima volta il quantum spin liquid in un materiale bidimensionale

Quantum spin liquid un nuovo stato della materia – A oltre quarant’anni dalla sua teorizzazione, i ricercatori hanno trovato le prove dell’esistenza in natura di un nuovo stato della materia denominato quantum spin liquid. L’esperimento, condotto su un materiale magnetico di struttura bidimensionale, come il grafene, ha coinvolto cinque istituzioni scientifiche tra le quali l’Università di Cambridge e il laboratorio nazionale di Oak Ridge, ed è stato pubblicato sulla rivista Nature Materials.
“Si tratta di un nuovo stato quantico della materia, che era stato solo previsto ma mai osservato”, spiega Johannes Knolles, postdoc nel Laboratorio Cavendish che studia la teoria della materia condensata all’Università di Cambridge e uno dei coautori del paper. Sebbene fosse stato ipotizzato già nel 1973 dal premio nobel statunitense Philip Anderson, il quantum spin liquid era infatti considerato uno stato, sfuggente e misterioso, di alcuni materiali magnetici mai osservato in natura.

In un tipico materiale magnetico, gli elettroni si comportano come piccole calamite. Anche quando il materiale è esposto a temperature prossime allo zero assoluto, queste calamite si dispongono coerentemente, orientando tutti i “polo nord” nella stessa direzione. Ciò non accade nello stato di quantum spin liquid dove a causa delle fluttuazioni quantistiche, gli elettroni invece di orientarsi è come se si frazionalizzassero dando vita a una “zuppa di entanglement“.

In accordo con uno dei principali modelli teorici che ne prevedeva la formazione, noto come modello di Kitaev, per la prima volta i ricercatori sono riusciti a osservare i prodotti di questa frazionalizzazione noti come fermioni di Majorana in una struttura bidimensionale di cristalli di tricloruro di rutenio (RuCl3). Usando la tecnica dello scattering non elastico di neutroni, i ricercatori hanno irraggiato i cristalli con neutroni per studiare lo schema di increspature che questi producevano sullo schermo, alla ricerca di tracce della frazionalizzazione.

Ciò che i ricercatori hanno osservato sullo schermo combacia con la previsione di tracce definite e distinte teorizzata dal gruppo di Cambridge nel 2014, fornendo per la prima volta le prove dirette dell’esistenza del quantum spin liquid in un materiale esistente. In questo senso, l’osservazione della frazionalizzazione degli elettroni è una piacevole scoperta.

L’articolo continua alla fonte lescienze.it – Autore Davide Michielin