Omicidio Kennedy cosa c’è nei document diffusi da Trump

Il libro giallo: Yellow Book una storia dell'universo
Il libro giallo: Yellow Book una storia dell’universo
27/10/2017
Luce lunghezza d'onda e percezione dei colori
Luce lunghezza d’onda e percezione dei colori
29/10/2017
Omicidio Kennedy cosa c’è nei document diffusi da Trump

Omicidio Kennedy cosa c’è nei document diffusi da Trump
Il presidente Donald Trump, ha reso pubblici oltre 2.800 documenti legati all’uccisione di John F. Kennedy un assassinio che da oltre 50 anni interessa l’opinione pubblica statunitense e che è stato alla base di innumerevoli teorie su complotti e cospirazioni.

Omicidio Kennedy

Omicidio Kennedy cosa c’è nei document diffusi da Trump – Il presidente Donald Trump, ha reso pubblici oltre 2.800 documenti legati all’uccisione di John Fiztgerald Kennedy, però accolto la richiesta di FBI e CIA di non rendere pubbliche altre migliaia di documenti legate al caso Kennedy, lasciando alle agenzie di intelligence sei mesi per rivederli e determinare se la loro pubblicazione possa influire sulla sicurezza nazionale. Nelle ultime ore giornalisti, storici, politici e appassionati del complotto hanno iniziato a consultare la documentazione, ma saranno probabilmente necessarie settimane prima di avere un quadro completo del contenuto, che comunque non dovrebbe portare a nessuna novità significativa o rivoluzionaria.

Kennedy fu ucciso il 22 novembre del 1963 a Dallas, in Texas, mentre si stava spostando su un’automobile scoperta insieme con la moglie Jacqueline. Fu colpito a distanza da Lee Harvey Oswald, che sparò con un fucile dal sesto piano del Texas School Book Depository. Oswald fu arrestato e accusato formalmente dell’omicidio, ma la rapidità con cui furono condotte le indagini e il fatto che lo stesso Oswald fu in seguito ucciso contribuirono a far nascere molti sospetti intorno alla morte di Kennedy. Da allora innumerevoli libri, film, documentari e articoli hanno messo in dubbio la versione ufficiale dell’intelligence statunitense, sostenendo che l’allora presidente fu ucciso in seguito a un complotto che – a seconda dei casi e delle teorie – coinvolse la Russia, Cuba, la criminalità organizzata e perfino Lyndon B. Johnson, il vicepresidente di Kennedy che alla sua morte divenne presidente degli Stati Uniti.

Lo stesso Trump ha sollevato in più occasioni pubbliche i propri dubbi su come andarono le cose nel 1963. Lo scorso anno, durante la campagna elettorale, Trump disse che il padre di Ted Cruz, senatore del Texas contro il quale era in gara alle primarie repubblicane, fu in qualche modo coinvolto nell’uccisione di Kennedy.

Trump ha inviato un messaggio alle agenzie di intelligence interessate dalla pubblicazione dei documenti nel quale scrive: “Oggi dispongo che sia infine sollevato il velo”, aggiungendo poi di avere accettato il loro consiglio sull’opportunità di rivedere alcuni documenti e ometterne delle parti, processo che dovrà essere completato entro il prossimo aprile.

Omicidio Kennedy – Cosa c’è nei documenti

Nella documentazione c’è un memorandum scritto da John Edgar Hoover, all’epoca potente e temuto direttore dell’FBI, nel quale si ricorda che l’ufficio di Dallas aveva ricevuto una telefonata anonima da una persona che diceva di far parte di un gruppo organizzato per uccidere Oswald: “Abbiamo mandato notifica al capo della polizia e ci ha assicurato che Oswald sarebbe stato protetto a sufficienza. Questa mattina abbiamo chiamato nuovamente il capo della polizia avvisandolo della possibilità di qualche iniziativa contro Oswald, e nuovamente siamo stati rassicurati circa l’adeguata protezione. Tuttavia, ciò non è stato fatto”. Il memorandum è datato 24 novembre 1963, lo stesso giorno in cui Oswald fu ucciso nella centrale della polizia di Dallas, mentre stava per essere trasferito nella prigione della contea. Hoover scrisse inoltre di temere che nascessero teorie del complotto dopo l’uccisione di Oswald.

Un altro documento dell’FBI cita le reazioni dell’Unione Sovietica che definì Oswald “un maniaco nevrotico” infedele persino alla sua patria. I dirigenti politici sovietici inizialmente temettero una cospirazione, organizzata da gruppi di estrema destra o da Johnson per ottenere il potere. Ci furono anche timori circa la possibilità che la morte di Kennedy potesse causare una guerra con gli Stati Uniti.
Secondo un documento prodotto all’epoca dalla CIA, il governo cubano non celò più di tanto la propria soddisfazione per la morte del presidente di un paese formalmente nemico. L’ambasciatore cubano presso gli Stati Uniti reagì con “felicità” alla notizia. Successive indagini condotte da agenti sull’isola esclusero comunque che il governo di Cuba fosse coinvolto nella morte di Kennedy.

Un’intercettazione telefonica, citata in un altro documento, colloca Oswald presso l’ambasciata dell’Unione Sovietica a Città del Messico il 28 settembre 1963, quasi due mesi prima dell’uccisione di Kennedy. Oswald in seguito comunicò nuovamente con l’ambasciata, identificandosi per nome e parlando in russo di un misterioso telegramma inviato a Washington. L’interlocutore di Oswald presso l’ambasciata sarebbe stato un membro del KGB, i servizi segreti sovietici, ma il documento della CIA non è molto chiaro e probabilmente alcune informazioni furono poi smentite da successive indagini.

La documentazione cita progetti della CIA per assassinare diversi capi di stato, compreso Fidel Castro a Cuba, e il pagamento di decine di migliaia di dollari a organizzazioni per la lotta (anche armata) contro il comunismo in diversi paesi del mondo tra Sudamerica, Africa e Sud-est asiatico. Ci sono ancora centinaia di documenti da revisionare e verificare che potrebbero aggiungere qualche altra informazione.

Omicidio Kennedy – Documenti diffusi dal 1992

La Commissione Warren, istituita per indagare la morte di Kennedy, concluse che Oswald agì da solo. Nel 1979, però, un’altra Commissione parlamentare scrisse nel suo rapporto conclusivo che Kennedy era stato “probabilmente assassinato in seguito a una cospirazione”, pur ammettendo di non avere ottenuto informazioni più precise per confermare la circostanza né per identificare i colpevoli. Furono comunque escluse le teorie che riguardavano Cuba, l’Unione Sovietica, la criminalità organizzata e agenti deviati nelle agenzie di intelligence statunitensi. La Commissione non escluse comunque che singoli individui appartenenti a una o più di queste organizzazioni potessero avere partecipato autonomamente alla cospirazione.

Omicidio Kennedy cosa c’è nei document diffusi da Trump

Nei primi anni Novanta si tornò a parlare di teorie del complotto in seguito al film “JFK” del regista Oliver Stone, che ottenne un grande successo e riportò di attualità l’uccisione di Kennedy. Il dibattito e il confronto fu tale da indurre il Congresso ad approvare una legge apposita (“President John F. Kennedy Assassination Records Collection Act”) sulla diffusione dei documenti secretati, firmata dal presidente George Bush il 26 ottobre 1992. La legge prevedeva che tutta la documentazione fosse resa pubblica entro 25 anni dalla data della sua approvazione, quindi entro ieri, salvo ulteriori valutazioni del presidente su temi di sicurezza nazionale. Trump ha sfruttato la scadenza provando a far passare il messaggio che l’idea fosse sua e di essere interessato alla trasparenza delle attività del governo, ma in realtà la diffusione dei documenti di ieri è solo l’ultimo passaggio di una lunga serie.

Da dopo l’approvazione della legge nel 1992, gli Archivi nazionali degli Stati Uniti hanno già reso pubblici e consultabili circa l’88 per cento dei documenti che riguardano la morte di Kennedy, più un altro 11 per cento di documentazione con alcuni omissis per motivi di sicurezza nazionale. I documenti diffusi ieri sono appena l’1 per cento e solo 53 sui 2.891 non erano stati mai resi pubblici, mentre gli altri erano stati diffusi con modifiche per nasconderne alcuni passaggi.

Fonte: ilpost.it
Fonte IGM: latimesphoto.files.wordpress.com
Può interessarti anche: Kennedy e la premessa di invasione aliena