Missione InSight: la Nasa è pronta a tornare su Marte

James Webb Space Telescope il più grande progetto scientifico
James Webb Space Telescope il più grande progetto scientifico
28/03/2018
Fotovoltaico in Arabia Saudita il più grande parco del mondo
Fotovoltaico in Arabia Saudita il più grande parco del mondo
31/03/2018
Missione InSight: la Nasa è pronta a tornare su Marte

Fra un mese partirà il nuovo progetto dell’agenzia spaziale statunitense, che per primo permetterà di studiare la struttura interna del pianeta rosso.

Missione InSight

La Nasa è pronta a tornare su Marte. Fra un mese partirà InSight, il prossimo progetto dell’agenzia spaziale americana che per prima studierà la struttura interna del pianeta rosso. Il lancio è previsto e confermato per il prossimo 5 maggio, per raggiungere la superficie di Marte dopo 6 mesi.

Sismometri e sonde su Marte 
In una conferenza organizzata al Jet Propulsion Laboratory (Jpl) di Pasadena, in California, sono stati illustrati i dettagli della missione. Giorni fa all’Ansa Charles Elachi, per 15 anni direttore del Jet Propulsion Laboratory, aveva spiegato che “con InSight (Interior exploration using Seismic investigations, geodesy and heat transport) faremo arrivare su Marte un lander dotato di un sismometro e di una sonda, entrambi realizzati in Europa”. Come riporta il comunicato diffuso dalla Nasa, sarà la prima volta dopo la missione Apollo che un sismometro approderà su un pianeta diverso dalla Terra.

Studiare come si formano corpi rocciosi
“In una qualche maniera InSight è come una macchina del tempo scientifica che ci porterà indietro informazioni sui primi stadi della formazione di Marte, avvenuta 4,5 miliardi di anni fa. Ci aiuterà – continua Banerdt – a capire come si formano i corpi rocciosi, inclusa la Terra, la sua Luna e anche i pianeti degli altri sistemi solari”.

I terremoti di Marte
Gli scienziati sperano che intercettando i terremoti marziani e altri fenomeni nel cuore del pianeta rosso si possa comprendere meglio il processo di formazione di Marte. Per questo la missione InSight porterà sulla superificie del pianeta strumenti di rilevazione molto sofisticati, forniti dai partner europei della missione. Il Centre National d’Études Spatiales (CNES) ha fornito un sismometro ultrasensibile. Il German Aerospace Center (DLR) ha sviluppato una sonda termica che funziona a 5 metri di profondità, per misurare il calore interno del pianeta.

Gli ultimi ritocchi prima del lancio
La base della missione InSight si trova alla Vandenberg Air Force Base in California, dove si stanno mettendo a punto i preparativi prima del lancio. Un primo spin test (rotazione ad alta velocità della navicella) è stato completato. Ad aprile la navicella verrà montata sul suo razzo, le connessioni saranno controllate e il team di lancio sarà avviato verso l’ultimo training. “Il prossimo mese sarà eccitante – ha dichiarato Banerdt -. Abbiamo alcune cose da fare ancora, ma siamo quasi pronti per andare su Marte”.

Fonte: tg24.sky.it
Fonte IGM: nasa.gov
Può interessarti anche: James Webb Space Telescope il più grande progetto scientifico