Il meccanismo di Antikythera Il primo calcolatore

Revealers i casi misteriosi dell'ufologia
Revealers i casi misteriosi dell’ufologia
09/11/2015
Mistero delle Piramidi tra realtà e fantascienza
Mistero delle Piramidi tra realtà e fantascienza
11/11/2015
Il meccanismo di Antikythera Il primo calcolatore

Il meccanismo di Antikythera – Uno strano oggetto fù ritrovato nel relitto di una nave affondata oltre 2000 anni fà vicino ad Antikythera in Grecia. Dopo esami approfonditi, si è rivelato un meccanismo sofisticatissimo, un vero e proprio calcolatore astronomico.

Il meccanismo di Antikythera – Sull’isoletta di Antikythera a circa 40 km da Creta, nel 1902 fu fatta una incredibile scoperta: fu rinvenuto il relitto di una nave sommersa e alcuni pescatori riuscirono a portare in salvo gran parte del suo carico fatto di statue di marmo, ceramiche ecc.
Fu trovato anche un manufatto di bronzo tutto incrostato di cui non si capì subito l’uso, e venne abbandonato in un magazzino polveroso di un museo fino a quando uno scienziato decise di ripulirlo.

Costui scoprì che si trattava di un complicato strumento costruito da ruote dentate che si incastravano perfettamente l’una all’altra, trovò anche alcune iscrizioni in greco antico e dei cerchi graduati, sembrava come il meccanismo di un orologio a pendolo. Attualmente si ritiene che il Calcolatore di Antikythera fosse un preciso calcolatore astronomico, costruito per monitorare i rapporti ciclici tra il sole, le stelle ed i pianeti. Poteva servire sia come strumento per la navigazione sia come strumento per indagini astronomiche.

Il resto del carico aveva permesso di datare il naufragio intorno al I secolo a.C. Nessuno scrittore romano o greco ha mai parlato di un calcolatore simile, sebbene invece vengano descritte numerose altre meraviglie che restano per noi incomprensibili. Nel 1951 lo scienziato Derek John De Solla Price, professore di Storia della scienza presso l’università di Yale studiò il meccanismo e rimase sbalordito dalla complessità dello strumento e scrisse:

“Non esiste niente di paragonabile a questo strumento in nessun posto del pianeta e i testi scientifici antichi non parlano di nulla di simile, né se ne fa menzione nella letteratura generale. Al contrario, in base a tutte le nostre conoscenze in fatto di tecnologia e scienza dell’età Ellenistica, dobbiamo ritenere che un tale strumento non possa mai essere esistito”.

Sembra che in seguito abbia anche affermato:
“Trovare uno strumento simile equivale a trovare un aereo a reazione nella tomba del re Tutankhamon”.

Funzione e funzionamento

Il meccanismo risultò essere un antichissimo calcolatore per il calendario solare e lunare, le cui ruote dentate potevano riprodurre il rapporto di 254:19 necessario a ricostruire il moto della Luna in rapporto al Sole (la Luna compie 254 rivoluzioni siderali ogni 19 anni solari).

Il meccanismo di Antikythera

L’estrema complessità del congegno era inoltre dovuta al fatto che tale rapporto era riprodotto con l’utilizzo di una ventina di ruote dentate e di un differenziale, un meccanismo che permetteva di ottenere una rotazione a velocità pari alla somma o alla differenza di due rotazioni date. Il suo scopo era quello di mostrare, oltre ai mesi lunari siderali, anche le lunazioni, ottenute dalla sottrazione del moto solare al moto lunare siderale. Sulla base della sua ricerca, Price concluse che, contrariamente a quanto si era fino ad allora creduto, nella Grecia del II secolo a.C. esisteva effettivamente una tradizione di altissima tecnologia.

Fonte 1: misteridelmondo.it
Fonte 2: wikipedia.org
Fonte IGM: jimcdn.com