Le galassie più antiche dell’Universo

Colonizzare la Luna per arrivare a Marte
Colonizzare la Luna per arrivare a Marte è rischioso?
16/08/2018
Orbital Reflector la scultura spaziale
Orbital Reflector la scultura spaziale decollerà a ottobre
17/08/2018
Le galassie più antiche

Alcune galassie satellite in orbita attorno alla Via Lattea sono tra le più antiche del cosmo, con un’età di oltre 13 miliardi di anni.



Esiste un gruppo di vecchie galassie che, come i saggi di un antico popolo, conoscono molti dei misteri tramandati da un millennio all’altro a partire dalla nascita del nostro Universo. La ragione è la loro età: nate poco dopo il Big Bang, queste galassie racchiudono ancora in sé i ‘semi’ del cosmo primordiale. Ora un gruppo di ricerca della Durham University e dell’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics ha scoperto che le flebili galassie in orbita attorno alla nostra Via Lattea appartengono a questo gruppo privilegiato di antiche dimore stellari che sono state testimoni dell’evoluzione dell’Universo.
Lo studio, pubblicato su Astrophysical Journal, afferma che queste antiche galassie hanno oggi oltre 13 miliardi di anni, e sono nate quando l’universo aveva appena 100 milioni di anni – un battito di ciglia, in termini astronomici. Tra loro, le più famose sono le galassie Segue-1, Boote I, Tucana II e Orsa Maggiore I, ma gli astronomi ne hanno identificate molte di più. Per meglio studiarle, le hanno quindi divise in due popolazioni: le galassie satellite più luminose (nell’immagine in alto, circondate dal cerchio azzurro) e quelle più flebili (cerchio bianco).

Confrontando i dati osservativi con un modello teorico della formazione galattica sviluppato in precedenza, il team di ricerca ha trovato che i risultati erano coerenti, concludendo così che attorno alla nostra Via Lattea orbitano davvero alcune tra le più antiche galassie del cosmo. “Trovare queste galassie – commenta Carlos Frenk, direttore dell’Istituto di Cosmologia Computazionale della Durham University – è l’equivalente astronomico di trovare i resti dei primi umani che hanno abitato dal Terra. È davvero emozionante.”

Fonte: globalscience.globalist.it - Autore Giulia Bonelli
Fonte IGM: : globalscience.globalist.it
Può interessarti anche: Alba cosmica una luce dalle prime stelle dell’Universo