La vita sulla Terra risalirebbe a più di 3,5 miliardi di anni fa

Paesaggio alieno: la NASA pubblica immagini particolari di Marte
Paesaggio alieno: la NASA pubblica immagini particolari di Marte
18/12/2017
Disinquinare l’aria potrebbe avere un inaspettato effetto collaterale
Disinquinare l’aria potrebbe avere un inaspettato effetto collaterale
20/12/2017
La vita sulla Terra risalirebbe a più di 3,5 miliardi di anni fa

La vita sulla Terra risalirebbe a più di 3,5 miliardi di anni fa
Un microfossile rinvenuto in una roccia nell’Australia occidentale permetterebbe di retrodatare la presenza di esseri viventi sul nostro pianeta. Ad effettuare la scoperta sono stati i ricercatori dell’Università di Los Angeles e del Wisconsin-Madison.

Un fossile microscopico rivenuto nell’Australia occidentale potrebbe dimostrare che la vita sulla Terra è comparsa più di 3,5 miliardi di anni fa. A realizzare la scoperta sono stati i ricercatori dell’Università di Los Angeles (Ucla) e quelli dell’Università del Wisconsin-Madison, che hanno analizzato la struttura del microfossile, il più antico mai rinvenuto. I risultati dello studio sono stati comunicati in una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica Pnas.

Il fossile

Il ritrovamento del microfossile, così denominato in quanto non visibile ad occhio nudo, risale al 1982, e fu descritto in un primo studio scientifico nel 1993 e in un altro successivo nel 2002. Si tratta di alcuni esseri di aspetto cilindrico e filamentoso, probabilmente antiche specie di batteri. Grazie alle ultime scoperte è stato possibile identificare le diverse tipologie di microrganismi e stimare come essi siano stati in grado di sopravvivere quando il pianeta ancora non offriva ossigeno. Alcune critiche successive ai primi studi compiuti su questi reperti avevano messo in dubbio che essi potessero testimoniare antiche forme di vita, ma che fossero soltanto particolari varietà di minerali.

I nuovi risultati, però, hanno confermato la tesi originaria, mostrando che si tratta proprio di microrganismi. Per arrivare a questa conclusione sono stati necessari 10 anni di preparazione. La tecnologia utilizzata per risalire alla natura dei reperti è nota come spettrometria di massa di ioni secondari (Sims) e permette di separare il carbonio che compone ciascun fossile nei suoi isotopi costituenti e misurare i loro rapporti. Le differenze nei rapporti isotopici del carbonio sono correlate con le loro forme, e dunque il riconoscimento della origine organica dei fossili è stato reso, alla fine, possibile.

Le implicazioni

Secondo i ricercatori, la comparsa della vita sulla Terra in condizioni così avverse, paragonabili a quelle di altri pianeti, potrebbe suggerire la presenza di esseri comuni in tutto l’universo. Per quanto riguarda la Terra, invece, lo studio permette di affermare con certezza che la vita sia comparsa sul nostro pianeta più di 3,5 miliardi di anni fa. Probabilmente “molto prima”, afferma il professor William Schopf (Ucla), primo autore dello studio. I risultati della ricerca mostrano infatti come “non sia difficile per la vita primitiva formarsi ed evolversi in microrganismi più avanzati”.

Fonte: tg24.sky.it
Fonte IGM: tg24.sky.it
Può interessarti anche: LUCA l’antenato comune a tutti gli organismi viventi