La materia che precipita in un buco nero supermassiccio a 90.000 km al secondo

La lettera perduta di Galileo svela un giallo
La lettera perduta di Galileo svela un giallo sull’accusa di eresia
25/09/2018
Lo spettacolo delle nubi nottilucenti
Lo spettacolo delle nubi nottilucenti un fenomeno incredibilmente raro
27/09/2018
La materia che precipita in un buco nero

Un’incredibile serie di osservazioni eseguite da un team di scienziati del Regno Unito ha scoperto il primo rilevamento di materia che precipita in un buco nero supermassiccio alla incredibile velocità di quasi 90.000 chilometri al secondo, circa un terzo della velocità della luce.



Come riportato nelle comunicazioni mensili della Royal Astronomical Society , i ricercatori hanno rintracciato il materiale che si muove attorno al buco nero al centro della galassia PG1211 + 143. Hanno usato le osservazioni a raggi X di XMM-Newton per tracciare i movimenti del gas e scoprire un blocco di gas delle dimensioni del nostro pianeta, che accelera fino a quasi un terzo della velocità della luce.
“La galassia che stavamo osservando con XMM-Newton ha un buco nero corrispondente a 40 milioni di masse solari, che è molto luminoso e chiaramente ben alimentato. In effetti, circa 15 anni fa abbiamo rilevato un forte vento magnetico che indicava che il buco veniva sovralimentato. Anche se tali venti si trovano anche in molte altre galassie attive, PG1211 + 143 ha ora dato un altro “primo segnale”, con la rilevazione della materia che si tuffa direttamente nel buco stesso “, ha detto il professor Ken Pound, dell’Università di Leicester, autore principale dello studio, in un dichiarazione . “Siamo stati in grado di seguire un grumo di materia di dimensioni terrestri per circa un giorno, mentre veniva tirato verso il buco nero, accelerando fino a un terzo della velocità della luce prima di essere inghiottito dal buco.”
Il team ha anche scoperto una caratteristica inaspettata del sistema. Il materiale che si accumula attorno al buco nero è disallineato alla rotazione del buco nero, ed è qui che le cose si fanno interessanti. Infatti i buchi neri supermassicci sono così pesanti che non si limitano a piegare lo spazio-tempo, ma lo trascinano anche mentre ruotano. Questo fenomeno, noto come trascinamento del frame, finisce per rompere il disco in singoli anelli.

Le collisioni tra questi anelli non sono infrequenti e quando accadono, la materia cade direttamente nel buco nero invece di scendere lentamente a spirale. Questa rotta “diretta” costringe i materiali ad accelerare fino all’incredibile velocità testimoniata in questo studio.

I ricercatori suggeriscono che questo accrescimento caotico potrebbe essere la norma piuttosto che l’eccezione e molti buchi neri lo fanno, specialmente quelli che ruotano più lentamente. Accumulando gas da molte direzioni, questi buchi neri potrebbero aumentare la loro massa rapidamente. Questo potrebbe potenzialmente spiegare come i primi buchi neri siano diventati così grandi così rapidamente nell’universo primordiale.

Fonte: blueplanetheart.it
Fonte in lingua originale: iflscience.com
Fonte IGM: iflscience.com
Può interessarti anche: Da Sphere splendidi scatti di sistemi solari neonati