La giornata del meteo spaziale dedicata alle aurore boreali

Zebre di Venere
Le zebre di Venere uno studio sulle strutture atmosferiche del pianeta
04/03/2019
Space Advertising
Pubblicità nello spazio
05/03/2019
Aurora boreale

Per celebrare l’occasione, l’Agenzia Spaziale Europea ha organizzato un evento di tre giorni a Tromsø, in Norvegia, dove 30 fortunati partecipanti potranno osservare da vicino le luci del nord.



Il 5 marzo si celebra la giornata del meteo spaziale e l’Agenzia Spaziale Europea (Esa) ha deciso di dedicarla all’aurora boreale. Per osservare da vicino questo affascinante fenomeno ottico, caratterizzato da bande luminose di una vasta gamma di colori e causato dallo scontro del flusso di radiazioni provenienti dal Sole con il campo magnetico terrestre, l’Esa ha organizzato un evento lungo tre giorni a Tromsø, nella Norvegia settentrionale, al quale sono stati invitati 30 ‘cacciatori’ di aurore proveniente da 13 Paesi. L’agenzia spaziale ha anche lanciato l’hashtag #AuroraHunters.

Aurore boreali e tempeste geomagnetiche

L’Agenzia Spaziale Europea spiega di aver scelto le aurore boreali perché aiutano a ricordare che “viviamo sotto una stella attiva che può arrecare danni reali alla vita quotidiana”. Nonostante possano sembrare innocue, le cosiddette luci del nord sono associate al fenomeno delle tempeste geomagnetiche, le quali possono verificarsi con un’intensità tale da danneggiare i satelliti, disturbare le comunicazioni radio e mandare in tilt le centrali elettriche. Da un recente studio, condotto proprio dall’Esa, emerge che in Europa un fenomeno di questo tipo potrebbe causare dei danni pari a 15 miliardi di euro. Nei prossimi anni, le tempeste solari potrebbero avere un impatto non trascurabile sull’economia, a causa dell’aumento dell’importanza dei sistemi di navigazione satellitare nel settore dei trasporti. Come si può intuire, la capacità di prevedere questi eventi naturali e di prendere le necessarie contromisure diventerà presto essenziale. È proprio questo lo scopo della missione europea Lagrange, che nei prossimi anni monitorerà costantemente l’attività del Sole e permetterà ai ricercatori di valutare di volta in volta l’intensità delle tempeste geomagnetiche.

L’evento di Tromsø

I 30 fortunati cacciatori di aurore che parteciperanno all’evento di Tromsø potranno non solo ammirare da vicino l’aurora boreale, ma anche incontrare gli scienziati dell’Agenzia Spaziale Europea, visitare l’Osservatorio Geofisico di Tromsø (famoso in tutto il mondo) e scoprire tutte le iniziative dell’Esa legate al meteo spaziale.

Fonte: tg24.sky.it
Fonte IGM: wikipedia.org
Facebook Comments
//]]>