Il respiro del pianeta Terra catturato dai satelliti

Il respiro del pianeta Terra catturato dai satelliti

Il respiro del pianeta Terra catturato dai satelliti – L’alternanza di colori, di cicli e di stagioni in un Pianeta vivo: le ipnotiche animazioni ricavate da 20 anni di immagini satellitari.

Il respiro del pianeta Terra catturato dai satelliti – Dalla nostra limitata prospettiva è difficile avere uno sguardo di insieme sui processi vitali del “Pianeta blu”. Questo non vale per i satelliti orbitali e geostazionari: negli ultimi 20 anni una flotta di strumenti ad alta quota della Nasa e di altre agenzie spaziali ha scrutato la Terra per studiare lo stato di salute di acque e vegetazione, catturandone i “cambi d’abito” al variare delle stagioni.

L’autore del quadro
Il Sea-viewing Wide Field-of-view Sensor (SeaWiFS, della Nasa), lanciato nel 1997 e attivo fino al 2010, ha studiato il nostro pianeta da 700 km di quota per 13 anni. Suo obiettivo principale era raccogliere dati sulle proprietà bio-ottiche delle masse terrestri e degli oceani.


Questa spettacolare animazione (clicca per attivarla) è stata ricavata dai dati di SeaWiFS e dei satelliti della NASA Terra, Aqua e Suomi National Polar-orbiting Partnership. | NASA

Insieme ai satelliti del programma Landsat (Nasa), ha monitorato la salute di foreste, raccolti, riserve ittiche. Per i ricercatori, una miniera di dati inestimabile; per tutti gli altri, la prova di come il nostro sia un pianeta che respira, animato da un complesso ciclo vitale.

In divenire
Nell’immagine qui sopra, il respiro della Terra è più che mai visibile: il bianco del ghiaccio che avanza e si ritira, il viola delle fioriture di fitoplancton, il verde della vegetazione terrestre e delle alghe variano in base ai ritmi stagionali.

«Questa è la Terra, che respira ogni singolo giorno, cambia con le stagioni, in base al Sole, al variare del vento, delle correnti oceaniche e delle temperature», spiega Gene Carl Feldman, oceanografo del NASA Goddard Space Flight Centre.


Le fioriture di fitoplancton nel Pacifico est equatoriale nel 1997, durante il passaggio tra El Niño e La Niña. Clicca per avviare l’animazione. | SEAWIFS/NASA

Strumento “diagnostico”
Al di là dell’impatto emotivo, queste tecnologie sono estremamente utili dal punto di vista scientifico: ogni piccola variazione nelle lunghezze d’onda restituite può indicare cambiamenti nella chimica di acque e vegetazione, segnalando se la fotosintesi sta avvenendo correttamente o se un raccolto è particolarmente sofferente.

Fonte: focus.it
Fonte IGM: focus.it
Può interessarti anche: Raggi cosmici e Cambiamenti climatici, indagate le supernovae

Facebook Comments

Resta sempre aggiornato!

Ricevili sulla tua email e leggili quando vuoi.

Fantastico! Fai parte della più bella community italiana sugli Alieni

There was an error while trying to send your request. Please try again.

S.UFO utilizzerà le informazioni fornite in questo modulo per fornire aggiornamenti e marketing.