Hubble a caccia di mini stelle e pianeti orfani

Tunnel di lava sotterranei al polo nord lunare
Tunnel di lava sotterranei al polo nord lunare
16/01/2018
Selinunte: scoperta in Sicilia una città greca
Selinunte: scoperta in Sicilia una città greca
16/01/2018
Hubble a caccia di mini stelle e pianeti orfani

Hubble a caccia di mini stelle e pianeti orfani
Utilizzando il famoso telescopio spaziale della Nasa, i ricercatori dello dello Space Telescope Science Institute hanno trovato la popolazione più numerosa di nane brune – oggetti che sono più massicci dei pianeti ma che non brillano come stelle – finora conosciuta. Gli esperti hanno anche trovato tre pianeti giganti, tra cui un sistema binario dove due pianeti orbitano insieme in assenza di una stella madre.

Hubble a caccia di mini stelle e pianeti orfani – Giusto “dietro l’angolo” (a 1350 anni luce da noi) c’è la Nebulosa di Orione, un gigantesco laboratorio per studiare il processo di formazione stellare e il comportamento di oggetti di vario genere, dalle stelle giganti alle più piccole nane rosse passando per le deboli nane brune.

Grazie all’eccezionale sensibilità e risoluzione senza pari del telescopio spaziale della Nasa Hubble, è possibile osservare anche gli oggetti più nascosti all’interno della nebulosa.

Nel corso di una lunga survey gli astronomi hanno scoperto, infatti, la più grande popolazione finora nota di nane brune circondate da stelle appena nate.

Dalle osservazioni è emersa anche la presenza di tre pianeti giganti e di un sistema binario dove due pianeti orbitano l’uno attorno all’altro in assenza di una stella ospite.

Per identificare le deboli e fredde nane brune, gli astronomi seguono le tracce di acqua nelle loro atmosfere. «Sono così fredde che si forma vapore acqueo», ha spiegato Massimo Robberto dello Space Telescope Science Institute.

«L’acqua è un preciso indicatore della presenza di oggetti substellari, vale a dire quegli oggetti astronomici che non hanno abbastanza massa per poter brillare come stelle. Più le masse diventano più piccole, più le stelle diventano rosse e deboli; per questo è necessario osservarle nell’infrarosso, banda di frequenze in cui la caratteristica più evidente è proprio l’acqua».

Il team ha identificato 1200 candidati al titolo di nane rosse: quelli più luminosi, carichi acqua, sono stati confermati in questa categoria. I ricercatori hanno poi cercato i deboli compagni di queste stelle rossastre, ma con i metodi osservativi tradizionali queste stelle “sorelle” sono quasi impossibili da osservare, perché troppo vicine alle compagne.

Oltre al metodo dell’acqua, il team ha quindi sviluppato una nuova strategia basata sull’imaging ad alto contrasto, che ha permesso di aumentare la risoluzione delle deboli compagne nei sistemi binari.

Nell’elenco delle scoperte ci sono 17 coppie composte da nane brune e nane rosse, una coppia di nane brune e una coppia formata da nana bruna e un pianeta. Gli esperti hanno anche osservato altri due oggetti di massa planetaria: uno associato a un nana rossa e uno a un altro pianeta. Quest’ultimo sistema planetario doppio è singolare, perché non è stata trovata nei paraggi la stella madre.

Successive indagini su questi oggetti verranno effettuate dal James Webb Telescope dopo il lancio nel 2019.

Fonte: media.inaf.it – Autore Eleonora Ferroni
Fonte IGM: media.inaf.it ; NASA , ESA, and G. Strampelli (STScI)
Può interessarti anche: James Webb il telescopio per risalire alla prima luce dell’universo