Controllo mentale – PROGETTO CIA MK-ULTRA

Gladio l'esercito clandestino della NATO
Gladio l’esercito clandestino della NATO
21/09/2015
Caso UMMO Lettere da un altro pianeta
Il Caso UMMO Lettere da un altro pianeta
24/09/2015
Controllo mentale - PROGETTO CIA MK-ULTRA

Controllo mentale – PROGETTO MK-ULTRA era il nome in codice dato a un programma illegale e clandestino di esperimenti sugli esseri umani portato avanti dalla CIA

Controllo mentale –

Controllo mentale – PROGETTO CIA MK-ULTRA(o MK-ULTRA, conosciuto anche come programma della CIA per il controllo della mente) era il nome in codice dato a un programma illegale e clandestino di esperimenti sugli esseri umani portato avanti dalla CIA (il servizio di intelligence degli Stati Uniti d’America) durante gli anni cinquanta e sessanta del XX secolo, che aveva come scopo quello di influenzare e controllare il comportamento di determinate persone (il cosiddetto controllo mentale).

Organizzato tramite la Divisione Scientifica dell’Intelligence, il progetto fu coordinato con la Divisione Operazioni Speciali dei cosiddetti Chemical Corps dell’esercito degli Stati Uniti. Il programma iniziò nei primi anni cinquanta e fu approvato ufficialmente nel 1953, fino ad essere ridimensionato nel 1964 e ridotto ulteriormente nel 1967, ma interrotto ufficialmente soltanto nel 1973. Il programma condusse molte attività illegali;in particolare, furono usati come soggetti di prova inconsapevoli cittadini statunitensi e canadesi, il che destò non poche polemiche riguardo la legittimità di questi esperimenti.

Gli esperimenti sugli esseri umani (talvolta praticati ad insaputa dei soggetti scelti) avevano lo scopo di sviluppare farmaci e procedure da utilizzare durante gli interrogatori e le torture operate dall’esercito o dai servizi segreti, per indebolire l’individuo e forzare confessioni attraverso il controllo mentale. Tali esperimenti prevedevano l’uso di ipnosi, onde sonore, sieri della verità, messaggi subliminali, farmaci (soprattutto LSD) e numerosi altri metodi per manipolare gli stati mentali delle persone scelte e alterare le funzioni cerebrali, comprese pratiche di deprivazione sensoriale, isolamento, abusi verbali e sessuali, così come varie forme di tortura.

La stessa agenzia ha successivamente riconosciuto che quei test avevano una debole base scientifica e che gli agenti posti all’esecuzione e controllo degli esperimenti non erano ricercatori qualificati.

I documenti recuperati farebbero supporre che la CIA abbia somministrato LSD, fenciclidina ed elettroshock al fine di controllare le menti dei soggetti sottoposti. Le cavie erano dipendenti della CIA, personale militare, agenti governativi, prostitute, pazienti con disturbi mentali e persone comuni; il tutto con lo scopo di verificare che tipo di reazione avessero queste persone sotto l’influsso di droghe e altre sostanze.

Lo scopo ufficiale degli esperimenti era quello di preparare un’azione di difesa per gli agenti americani ad un’eventuale azione analoga che avrebbero potuto subire da agenti russi durante la guerra fredda. Tali esperimenti miravano a costruire una sorta di “teoria dell’interrogatorio” che si concretizzò nel manuale Kubark Counterintelligence Interrogation. Questo manuale è un compendio delle scoperte di Donald Hebb e di quelle successive e più profonde di Donald Ewen Cameron.

FONTE: Wikipedia