Aurora boreale la nascita dell’affascinante fenomeno

Frammenti di un UFO perduto (e fasullo) in un museo londinese
Frammenti di un UFO perduto (e fasullo) in un museo londinese
26/02/2018
Georgia Guidestones: la Stonehenge degli Illuminati?
Georgia Guidestones la Stonehenge degli Illuminati?
28/02/2018
Aurora boreale la nascita dell'affascinante fenomeno

Aurora boreale, una danza colorata che invade il cielo alle alte latitudini. Per la prima volta, gli scienziati hanno osservato direttamente cosa accade davvero e cosa dà origine alle cosiddette aurore pulsanti.



Le aurore boreali incantano l’uomo da millenni. Gli antichi potevano solo speculare sulla loro oirigine, attribuendo spesso queste suggestive striature colorate alle anime defunte o ad altri spiriti celesti. Oggi sappiamo bene cosa accade e cosa dà origine al fenomeno anche se per la prima volta gli scienziati sono riusciti a vederlo a fondo con i loro occhi.

In particolare, un team internazionale di ricercatori ha ammirato le cosiddette aurore pulsanti che a differenza delle altre sono caratterizzate da luce intermittente.


Si tratta infatti della prima osservazione diretta del meccanismo che vi sta dietro. Le aurore nascono perché le particelle cariche provenienti dal sole, che possono essere rilasciate sia dal vento solare che dalle violente eruzioni note come espulsioni di massa coronale (CME), si scontrano con la nostra atmosfera.

Parte di questo materiale solare raggiunge la Terra dopo un paio di giorni. Qui le particelle cariche e i campi magnetici attivano il rilascio di altre particelle già intrappolate nella magnetosfera terrestre. Quando queste particelle finiscono nell’atmosfera superiore, esse innescano reazioni con alcuni gas, con l’emissione di luce.

I diversi colori delle aurore dipendono dai gas coinvolti e dalla loro altezza nell’atmosfera. L’ossigeno si illumina di colore giallo-verde a circa 100 km di altezza e rosso ad altitudini più elevate, ad esempio, mentre l’azoto emette luce blu o rosso-porpora.

La sonda spaziale ERG ha osservato gli elettroni dispersi nella magnetosfera, che dà origine alle pulsazioni delle aurore. Gli elettroni sparsi precipitano nell’atmosfera producendo un’illuminazione aurorale. La presenza intermittente di onde e la dispersione di elettroni associati portano dunque alla cosiddetta pulsazione aurorale.
Lo spettacolo di queste piogge subatomiche è leggendario. Valzer di verde, rosso e viola attraversano il cielo notturno, mescolandosi l’uno nell’altro. Le chiazze aurorali pulsanti che appaiono all’alba sono comuni ma i meccanismi fisici che guidavano questa pulsazione aurorale non erano stati finora verificati attraverso l’osservazione.

Con l’utilizzo di un nuovo satellite con strumenti di misurazione avanzati, i ricercatori hanno ora confermato che questa meraviglia sia causata dall’interazione, difficile da individuare, tra elettroni e plasma.

“Le sottotempeste aurorali sono causate dalla riconfigurazione globale della magnetosfera, che rilascia energia solare accumulata”, spiega Satoshi Kasahara, professore associato presso il Dipartimento di Scienze della Terra e dei Pianeti della Graduate School of Science dell’Università di Tokyo in Giappone, autore principale del documento.

“Sono caratterizzate da un risveglio aurorale dal crepuscolo a mezzanotte, seguito da violenti moti di distinti archi aurorali che alla fine si disgregano, ed emergono come chiazze di aurore diffuse e pulsanti all’alba”.

Fonte: greenme.it – Autore Francesca Mancuso
Può interessarti anche: Alpha Centauri è la patria di molte mini Terre