Asta spaziale

Il 29 novembre Sotheby’s metterà all’asta a New York poco meno di trecento pezzi da collezione legati all’esplorazione spaziale. Tra gli articoli più interessanti del catalogo vi sono alcuni frammenti di suolo lunare provenienti dalla missione sovietica Luna-16 e alcune tute spaziali complete americane e russe.

Una legge firmata da Obama nel 2012 ha conferito agli astronauti che parteciparono alle missioni Mercury, Gemini e Apollo la piena proprietà di tutti gli “artefatti” che essi ricevettero nel corso delle relative missioni. Ciò ha reso possibile la vendita a privati di molti di quegli oggetti, alcuni dei quali sono finiti nel catalogo di Sotheby’s, che ha organizzato un’asta che si terrà a New York il 29 novembre 2018.

La collezione si chiama “Space Exploration”. La parte del leone la fanno pezzi provenienti dalle missioni Apollo: fotografie scattate dagli astronauti sulla superficie della Luna o dallo spazio e autografate da loro stessi, cartoline autografate, mappe lunari autografate, scudetti delle missioni ecc.

Ma l’asta in programma il 29 novembre non si basa solo su memorabilia dell’epopea lunare. Tra i 289 articoli in catalogo ci sono anche insoliti oggetti provenienti dalla ex Unione Sovietica, dipinti fatti dagli astronauti, modelli in scala di velivoli spaziali, stampe con mosaici di immagini catturate dalle sonde Voyager e Viking, mappamondi di Marte e della volta celeste e altro ancora. Quasi tutti gli oggetti partono da una base d’asta di diverse migliaia di dollari e finiranno con ogni probabilità nelle collezioni private di qualche riccone o, nella migliore delle ipotesi, in qualche museo. In ogni caso, chi volesse semplicemente ammirarli, potrà vederli in esposizione da Sotheby’s dal 25 al 28 novembre con accesso gratuito.

Fonte: spazio-tempo-luce-energia.it - Autore Michele Diodati
Fonte IGM: sothebys.com ; spazio-tempo-luce-energia.it
Facebook Comments
//]]>