Alla ricerca di vita aliena su Encelado

rivoluzione energetica
La rivoluzione energetica potrebbe arrivare dallo spazio
12/11/2018
Scoperta una enorme galassia nana
Individuata una enorme galassia nana
14/11/2018
Encelado vita aliena

La NASA e il miliardario russo-israeliano Yuri Milner stanno lavorando insieme per una missione su Encelado, la luna ghiacciata di Saturno, alla ricerca di segni di vita aliena, come riferisce New Scientist.



Yuri Milner, attraverso la sua organizzazione non profit Breakthrough Initiatives, ha manifestato l’intenzione di voler tentare una tale missione, che sarebbe la prima missione privata nello spazio profondo. L’anno scorso ha detto di aver chiesto agli esperti di esaminare la possibilità di una simile missione.
Ora sembra che la NASA sia coinvolta, investendo $70.000 dei costi del personale che necessiterebbero per una tale avventura, secondo i documenti ottenuti da New Scientist. L’idea è di inviare una missione flyby suEncelado, dotata di strumenti per la caccia di segni di vita.

“La svolta sta proponendo un’altra missione in volo per campionare i pennacchi del satellite di Saturno, ma questa volta con l’attrezzatura per rilevare la vita extra-terrestre”, riporta il giornalista scientifico Mark Harris. “Gli accordi chiariscono che Breakthrough starebbe conducendo e pagando per la missione, e abbiamo l’esclusiva autorità per determinare se andrà avanti”.

Encelado è ormai un obiettivo primario per cercare la vita aliena da quando la sonda Cassini ha rilevato che i pennacchi eruttano dal polo sud della luna, che si ritiene abbiano origine da un oceano sottosuperficiale. La sonda ha rilevato idrogeno e materiali organici in questi pennacchi, con alcune ipotesi che potrebbero esserci sfiati idrotermici dal fondo dell’oceano.
Tali prese d’aria sulla Terra forniscono cibo ed energia per la vita a profondità estreme. Ma poiché l’oceano di Encelado è bloccato sotto decine di chilometri di ghiaccio, l’accesso a queste prese d’aria sarebbe difficile.

I pennacchi, tuttavia, offrono una possibilità unica per cercare la vita. Volandoci attraverso, Cassini è stata in grado di campionare l’oceano, anche se i suoi strumenti erano limitati in quanto i pennacchi non erano noti esistere prima del suo arrivo. Una missione dedicata potrebbe far progredire in modo significativo questi sforzi.
E quei pennacchi potrebbero anche far piovere sulla superficie di Encelado, il che significa che un lander potrebbe campionare direttamente questo materiale. La missione di Breakthrough non includeva un lander, ma ci sono state altre proposte per inviarne uno sulla luna di Saturno.

La data di lancio proposta per tale missione non è ancora nota. Ma la NASA e il Breakthrough dovrebbero decidere se portare avanti l’idea nel dicembre 2019.

Fonte: blueplanetheart.it
Fonte IGM: jpl.nasa.gov ; newscientist.com